L’Alumna Beatrice Olivieri vince il premio “Una tesi per la sicurezza nazionale”

8 Novembre 2023

Beatrice Olivieri, Alumna Luiss, è tra i vincitori del premio “Una tesi per la sicurezza nazionale”, promosso dal Comparto intelligence del Sistema di informazione per la Sicurezza della Repubblica e dedicato alle migliori tesi di laurea magistrale sui temi di geopolitica e relazioni internazionali, minacce alla sicurezza nazionale, diritto, dottrina e storia dell’intelligence e sicurezza economico-finanziaria. La premiazione si è svolta alla presenza del Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri – Autorità Delegata per la sicurezza della Repubblica, Alfredo Mantovano, e dei Vertici degli Organismi di informazione (DIS, AISE e AISI) presso Palazzo Dante.

Ci racconti le emozioni che ha provato nel ricevere questo riconoscimento? Cosa ha significato per lei ottenerlo?

Sono stata estremamente emozionata e onorata di aver ricevuto un premio così prestigioso, che per me rappresenta molto più di un semplice riconoscimento per il lavoro svolto. Scrivere una tesi è un’operazione complessa, che richiede molto sforzo. Il mio elaborato si è sviluppato tra l’altro durante la pandemia, un periodo di per sé incerto e buio. Tuttavia, grazie anche al supporto del mio relatore, il Prof. Pietro Pustorino, sono riuscita a chiudere il cerchio del mio percorso universitario coronandolo con il premio “Una tesi per la sicurezza nazionale”.

Quali temi sono stati approfonditi in particolare nella sua ricerca? Com’è nato il progetto?

L’idea è nata nel 2019, quando stavo svolgendo uno stage estivo che avevo ottenuto grazie a uno dei Career Day organizzati dalla Luiss. Lavoravo in uno studio legale internazionale e il mio socio di riferimento, per la quale lavoro tutt’ora, mi chiese di condurre una ricerca comparatistica sui golden power e sulla disciplina dei sistemi di screening sugli investimenti diretti esteri negli altri stati europei. Quando è arrivato il momento di sviluppare la mia tesi di laurea, ho deciso di riprendere quelle ricerche, data anche l’estrema attualità del tema che era al centro di numerosi dibattiti. Uno spunto pratico e professionale è risultato ed è rimasto centrale nel mio percorso, considerando che è un tema di cui mi occupo anche oggi.

Possiamo dire quindi che Luiss ha contribuito a creare un ponte con il mondo del lavoro nel suo settore?

Ho partecipato a quel Career Day nel 2019 con l’obiettivo di trovare uno Studio legale, tra i migliori in Italia, nel quale fare un’esperienza estiva. Attraverso questo stage, ho avuto la possibilità di inserirmi in una delle realtà nazionali più prestigiose e di stringere rapporti con professionisti eccezionali. Ho mantenuto i rapporti con questi professionisti durante la redazione della tesi, li ho ricontattati una volta laureata e sono entrata a fare parte dello Studio legale il mese successivo alla mia laurea. Sono grata alla Luiss per aver organizzato opportunità di networking come questa e per aver messo a disposizione degli studenti i servizi di Career Management, del quale ho sempre usufruito, approfittando dell’assistenza nella redazione del curriculum, per esempio, o partecipando agli incontri riservati agli Alumni Luiss. Mi reputo pienamente soddisfatta da questo punto di vista.

Qual è il primo ricordo che le viene in mente pensando agli anni trascorsi in Luiss?

Sicuramente sono i legami creati in quegli anni e tuttora esistenti, insieme anche ai Professori che ricordo con molto affetto. E poi, la Luiss mi ha accompagnata nella scelta della mia professione, preparandomi da un punto di vista accademico, grazie anche alla competenza dei docenti, e formandomi anche personalmente. Aver frequentato la Luiss è e rimane un biglietto da visita anche dopo la laurea e questo rappresenta un valore aggiunto.

Secondo lei, quali sono i valori che più vi uniscono?

Ciò che lega gli Alumni Luiss è l’ambizione, molto forte nei laureandi e laureati Luiss. Incontro persone molto motivate, che hanno ben chiaro dove vogliono arrivare e cosa vogliono ottenere. Penso che la Luiss ti accompagni anche in questo percorso di crescita offrendoti i mezzi per capire effettivamente qual è il tuo percorso e per sfruttarlo al meglio. Hai modo di individuare la tua area di specialità, insomma. E poi, direi l’orgoglio: siamo tutti orgogliosi di essere studenti Luiss e penso che questo sia un tratto che ci accomuna, essendo consapevoli di avere frequentato uno dei migliori atenei italiani. Infine, la tenacia, in particolare per Giurisprudenza.

Ultime News

19 Giugno 2024

Andrea Bonabello, Founding partner e CEO di Ulixes Capital Partners, è tra i talenti under 30 selezionati da Forbes Italia nella categoria Finance

19 Giugno 2024

L’Alumnus Riccardo Vanelli, Investment Associate presso Italian Angels for Growth, è tra i giovani under 30 premiati da Forbes Italia nella categoria Finance

19 Giugno 2024

Intervista ad Alberto De Angelis, COO e CMO del Gruppo Paideia & Mater Dei, premiato da Forbes Italia Under 30 per la categoria Media & Marketing

19 Giugno 2024

Ogni “no” è un’opportunità per imparare e migliorare. Sebastiano Parillo, Co-Founder e CEO di UnoCapital, nominato da Forbes Italia tra gli Under 30 più promettenti